Recupero Relazionale: tornare con l’ex

Grazie alla mia esperienza fatta con il dr. Giacobbi inizialmente come allievo e successivamente come collaboratore, ho potuto apprendere le più efficaci tecniche di recupero relazionale.

Si tratta, in breve, di una serie di tecniche che hanno l’obiettivo di aumentare le probabilità di ritorno con l’ex. Prima di iniziare un percorso in questo senso però, è fondamentale capire le motivazioni per cui si vuole recuperare una relazione.

Ci sono dei casi in cui l’intervento dovrebbe essere rivolto a superare la rottura, piuttosto che sanarla. Alcuni esempi:

  • Hai paura di restare solo/a o di “ricominciare da capo”. Se vuoi ritornare con l’ex solo per paura di rimanere solo/a, forse sarebbe meglio pensarci due volte.
  • Non riesci a stare solo/a. Se non hai la capacità di stare bene da solo/a, allora non riuscirai a stare bene nemmeno in coppia. Di fatto, non saprai mai se stai scegliendo qualcuno per amore o solitudine.
  • Storia di violenza. Mai ritornare da un partner che ti ha esercitato violenza fisica o psicologica. Non sottovalutare quest’aspetto: la violenza psicologica può essere difficile da riconoscere, perché a volte tendiamo a minimizzarne gli effetti o a ritenere certi atteggiamenti come “normali” o come facenti parte “del suo carattere”. Invasioni della privacy (come controllare il cellulare), comportamenti di controllo (dirti chi puoi o non puoi vedere), umiliazioni in pubblico o in privato (utilizzare appellativi denigratori o imbarazzarvi in presenza di altre persone) sono solo alcuni dei segnali d’allarme che dovrebbero fermarti dal cercare di ricostruire una relazione. Inoltre, ricorda: la violenza viene perpetrata ai danni sia di uomini che donne.
  • Ti vergogni di dire ad amici e parenti che ci vuoi tornare insieme. Questo dovrebbe farti pensare che forse non credi che sia la decisione giusta per te.

La base del Recupero Relazionale è il cambiamento

No, per ritornare con un ex non è sufficiente “mancarsi”. Bisogna analizzare i motivi per cui la relazione si è interrotta ed essere sinceramente disposti a mettersi in gioco e ad effettuare un cambiamento.

Molte coppie cadono in questa trappola: decidono di riprovarci e pensano che la gioia di essersi ritrovati sia sufficiente per far andare avanti la relazione in modo ottimale. Purtroppo, non è così. Senza un cambiamento, si finisce solo per incrinare nuovamente il rapporto e ritrovarsi punto e a capo. I problemi vanno discussi e affrontati, e bisogna risolverli per ritornare in una relazione felice e piena.

Forse qualcosa è già cambiato

Durante il periodo di separazione, qualcosa potrebbe essere già cambiato: la maturità. Puoi immaginare come questo sia un fattore chiave per il successo di una relazione, ma a volte questa manca. Spesso capita, però, che durante il periodo di separazione ci si renda conto di cose che prima erano difficili da vedere.

Questo è un ottimo segnale per il recupero di una relazione.

Quindi?

Ora dovresti avere un’idea più chiara di cosa aspettarti da una consulenza per il recupero relazionale. Se vuoi, puoi prenotare una telefonata gratuita conoscitiva con me di 15 minuti, così da capire se e come possiamo iniziare un percorso insieme. Niente paura: la distanza non è un limite perché ricevo anche online!

Grazie per aver letto l’articolo fin qui. A presto!