Farmaci: cos’è l’hyperbolic discounting e perché li rende così attraenti

Mag 19, 2019

0
trattamenti dolore senza farmaci

Farmaci: cos’è l’hyperbolic discounting e perché li rende così attraenti

CLICCA QUI SE CERCHI UN FISIOTERAPISTA A PORTICI

In quest’articolo ti presento un estratto dal mio libro che parla di come superare il dolore cronico. Voglio spiegarti perché molto spesso ci affidiamo ai farmaci, che ci aiutano a risolvere il sintomo, piuttosto che a delle terapie che, seppur leggermente più “faticose”, possono davvero renderci liberi. Buona lettura… e fammi sapere che ne pensi sulla mia Pagina Facebook!

Pillole colorate

Guarda quante belle pillole colorate! Le vuoi tutte, vero!?

Il problema dei farmaci (e perché ci piacciono tanto)

del dott. Maurizio Iengo, Fisioterapista a Portici

Per quanto spesso i farmaci siano utili, se non indispensabili, come per tutte le cose è bene usarli nel modo e nelle quantità giuste. Il motivo per cui i farmaci non dovrebbero essere prescritti con tanto leggerezza sono quasi ovvi: hanno notevoli effetti collaterali, creano dipendenza (psicologica e fisica, soprattutto nel caso degli oppioidi). Anche le linee guida americane dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) suggeriscono:

“La terapia non farmacologica e la terapia farmacologica non oppioide sono preferite nel dolore cronico. I medici dovrebbero prendere in considerazione la terapia con oppioidi solo se si prevede che i benefici attesi sia per il dolore sia per la funzione superino i rischi per il paziente. Se vengono usati oppioidi, questi devono essere combinati con terapia non farmacologica e terapia farmacologica non oppioide, a seconda dei casi.”

(Dowell et al., 2016)

Insomma la terapia con oppioidi è da considerare come l’ultima spiaggia e andrebbe comunque associata ad altro tipo di terapia. Forse è semplicemente un caso, ma finora non mi è mai capitato di incontrare un paziente affetto da dolore cronico a cui, prima di prescrivere dei farmaci, sia stato suggerito un percorso differente. I pazienti che vedo sono tutti quelli che non hanno risolto (o meglio, non riescono a gestire) il proprio problema con i soli farmaci. Il motivo è presto detto: prescrivere un farmaco è molto più semplice e spesso dà un risultato più immediato e tangibile di un percorso non farmacologico. Non è però un caso che a un certo punto, quasi tutti i pazienti scelgono di cercare terapie alternative. Il che frequentemente (purtroppo) significa ritardare il trattamento non farmacologico fino ad arrivare ad una disperazione tale che ci si aggrappa a chi la spara più grossa.

fisioterapista portici cura magica

Il livello medio di chi ti offre soluzioni al dolore

Tante persone, proprio perché non iniziano da subito un giusto percorso, si ritrovano talmente sconfortate che accettano di affidarsi a pseudoscienze di qualunque tipo, frutto di credenze popolari o vere e proprie truffe organizzate. A partire dal credere che tutti i propri mali derivino dalle impurità dell’acqua agli OGM ai cerotti che, incollati ai piedi durante la notte,  purificano il corpo dalle tossine (sì, esistono davvero). Maggiore è la promessa, maggiore è la facilità con cui si cade nella trappola: dopo anni di sofferenza, vogliamo solo credere di poter migliorare il più velocemente e facilmente possibile. Questo fenomeno è assolutamente comprensibile, così come il fatto che se un medico non ha rispettato le nostre aspettative, tendiamo a rifiutare tutto ciò che è associato alla medicina ortodossa.

Hai già letto l’articolo Fibromialgia e vita sessuale: tutto quello che non hai mai osato chiedere! ?

Quello che ho osservato è che si crea uno strano fenomeno per cui o ci si riempie di farmaci o ci si convince che la soluzione sia in qualche stregoneria. Si tende quindi a rifiutare tutta quella che è la terapia non farmacologica, che può davvero aiutare, che però è fatta da professionisti che si rifiutano di promettere pozioni magiche.

pozioni magiche per il dolore

Classico kit per Pozioni Magiche contro il dolore

C’è ancora un altro motivo che rende i farmaci così attraenti e come sempre ha a che fare con la psicologia: l’hyperbolic discounting. Questo concetto vuole che il valore di una ricompensa diminuisca con il passare del tempo. Per dirla in parole povere, preferiamo una ricompensa piccola subito piuttosto che una ricompensa grande tra molto tempo. Maggiore sarà il tempo necessario ad ottenere la ricompensa, quindi, minore sarà il valore che le daremo. È lo stesso motivo per cui seguire una dieta è così difficile: mangiare un dolce ci dà una gratificazione immediata, molto più attraente di ottenere un fisico più snello tra diversi mesi. Sarebbe invece totalmente diverso se ti dicessero: “Non mangiare questa torta e domani mattina ti ritroverai con cinque chili in meno!”. Così, anche per i farmaci. Si preferisce ottenere una gratificazione immediata (e spesso temporanea) piuttosto che una maggior risoluzione dei sintomi che richiede però un po’ più di tempo e lavoro. Tra l’altro, richiede probabilmente molto meno tempo e lavoro di quanto credi (ho pazienti che hanno degli importantissimi miglioramenti dopo una sola terapia) ma l’attrattiva del credere alla pillola magica sarà sempre maggiore.

A proposito di questo, hai già letto l’articolo Fibromialgia: la testimonianza di una Psicologa?

Se pensi che quest’articolo possa aiutare qualche tuo amico pozione-magica-dipendente, condividilo usando i tasti qui sotto!

Se vuoi provare a curarti con qualcosa che non sia una pozione magica invece, puoi contattarmi su Facebook cliccando qui o telefonarmi cliccando qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Ciao!

Puoi cliccare sul mio nome per contattarmi direttamente su Whatsapp!

× Posso aiutarti?

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. In the same page you will be able to find information on how we manage your data (GDPR). Cookie policy